TRIBUNALE

Era accusata di disturbare la messa, assolta una parrocchiana a Nicosia

di
Era stata denunciata dal prete perché continuava a cantare nonostante le fosse stato intimato il silenzio

NICOSIA. Rischiava fino a due anni di carcere la nicosiana Maria Giardina, finita sotto processo con l’accusa di avere disturbato la messa nella parrocchia di Santa Maria Maggiore.

Il Tribunale di Enna, in composizione monocratica, giudice A. M. Maira, l’ha assolta. Sulla base dell’articolo 405 del codice penale, relativo a “turbamento delle funzioni religiose”, “chiunque impedisce o turba l'esercizio di funzioni, cerimonie o pratiche religiose del culto di una confessione religiosa, le quali si compiano con l'assistenza di un ministro del culto medesimo o in un luogo destinato al culto, o in un luogo pubblico o aperto al pubblico, è punito con la reclusione fino a due anni”.
I fatti per cui si arrivò al processo risalgono al 16 gennaio di due anni fa. Prima dell’inizio della funzione religiosa è prassi accogliere il sacerdote celebrante con un canto d’ingresso. La signora Giardina al termine del canto invece di fermarsi, come aveva fatto l’intera assemblea, aveva continuato a cantare. Il parroco Nicola Ilardo era intervenuto, ma la signora, aveva rimbrottato il parroco cercando di darsi ragione.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X