TRIBUNALE

Svolta al processo sulla nuova mafia ennese

di

ENNA. "Dopo essere uscito dal carcere incontrai Sebastiano Gurgone e lui mi disse che oltre a Giancarlo, a Enna, (nell'organizzazione mafiosa, ndr.) c'era pure un certo Salvatore. Ma da queste foto non lo riconosco". Così il pentito di Catenanuova Nino Mavica, ha deposto ieri al processo a carico di Giancarlo Amaradio, 37 anni, "storico" picciotto di Cosa Nostra divenuto boss a metà anni Duemila, e di Salvatore Gesualdo, ennese di 33 anni, assistente della Polizia penitenziaria incensurato, che risponde per la prima volta di associazione mafiosa.

La deposizione del collaboratore di giustizia è arrivata ieri mattina dinanzi ai giudici del Tribunale collegiale di Enna, presieduto da Francesco Paolo Pitarresi, a latere Alessandra Maira e Marco Minnella. Da dietro un paravento, Mavica ha risposto alle domande del Pm Roberto Condorelli e degli avvocati Giovanni Palermo, difensore di Amaradio, e Michele Baldi, che difende Gesualdo. Ma i suoi resoconti non hanno convinto i difensori, che lo hanno sottoposto a un autentico fuoco di fila di domande, evidenziando presunte incongruenze, come quando Mavica descrive Gesualdo come un uomo "sui quarantacinque, con i capelli brizzolati", mentre nel periodo in cui sostiene di averlo conosciuto, l'imputato aveva solo 25 anni e i capelli nerissimi.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG:

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X