IMMIGRAZIONE

Villarosa, migranti in 2 ville confiscate ai Nicosia

di

VILLAROSA. Archiviato da tempo il progetto del Ministero della Giustizia, che intendeva creare a Villarosa un istituto di minima sicurezza da destina rea donne detenute con figli neonati, adesso c' è una nuova possibile destinazione per le due ville confiscate alla famiglia Nicosia, che si trovano in contrada Quattro Aratate.

Terreni e fabbricati dovrebbero ospitare uno Sprar, un Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati. Il progetto, grazie anche all' azione di legalità e antimafia portata avanti dall' ex prefetto di Enna Fernando Guida- è il Ministero dell' Interno, va ricordato, che si occupa dell' emergenza immigrazione - mira dunque alla creazione di uno Sprar, istituto che, secondo la definizione data dall' Osservatorio nazionale per i migranti, costituisce una rete di centri di "seconda accoglienza" destinata ai richiedenti e ai titolari di protezione internazionale.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X