IL DELITTO

Il papà di Vanessa Scialfa: "Vogliamo la verità sul suo omicidio"

ENNA. "Tutti gli indizi ci portano a ritenere che Lo Presti avesse almeno un complice. Vogliamo la verità per Vanessa". Giovanni Scialfa è il papà di Vanessa, la ventenne strangolata dal suo fidanzato Francesco Lo Presti il 24 aprile del 2012.

Fra poco più di un mese l'assassino reo confesso affronterà la Cassazione, a cui il suo avvocato ha chiesto l'annullamento della condanna, puntando sulla seminfermità e chiedendo di escludere un'aggravante. "L'idea che io mi sono fatto, ascoltando la confessione e avendola letta e riletta più volte - risponde Scialfa - è che non è possibile che una persona racconti i fatti per filo e per segno, descrivendo nei dettagli ciò che ha fatto, e possa essere ritenuto incapace di intendere e di volere. Ha pianificato tutto. Non credo che la Cassazione possa accogliere una tesi del genere. Siamo sicuri che era sanissimo".

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X