RAPPORTO AGROMAFIE

Truffe, così la mafia infetta i campi dell’Ennese

di
Coldiretti, Eurispes e Osservatorio sulla criminalità nell’agricoltura indicano le priorità per bonificare il territorio dall’inquinamento delle cosche

ENNA. Un dato più basso rispetto alla media regionale ma il doppio di quello nazionale. E' l'indice di organizzazione criminale nel comparto dell'agricoltura della provincia di Enna nell'ambito del Rapporto sulle Agromafie presentato mercoledì scorso da Coldiretti, Eurispes e Osservatorio sulla criminalità nell'agricoltura e sul sistema agroalimentare, che vede l'isola ai primi posti tra le regioni italiane con un elevato indice di organizzazione criminale.

L'indice che prende in esame 29 indicatori rappresenta la diffusione e l'intensità, in una data provincia, del fenomeno dell'associazione criminale, in considerazione delle caratteristiche intrinseche alla provincia stessa e di conseguenza sia di eventi criminali denunciati sia di fattori economici e sociali.

E la provincia di Enna secondo questo dato che assume valori da 0 a 100, vede la provincia di Enna con 48,4 al diciottesimo posto nazionale ed al quinto regionale. La media italiana è di 29,1, mentre quella regionale è di 55,7. Quindi una provincia che se non è "malata terminale" nello stesso tempo non scoppia di salute.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X