SANITA'

Parto a rischio, poi la corsa: salve madre e figlio nell'Ennese

di

ENNA. Salvata la vita a mamma e figlio. Il triste epilogo della piccola Nicole, balzato alla cronaca nei mesi scorsi, ha determinato la nascita della Rete di emergenza ostetrica grazie alla quale sabato scorso sono state salvato due vite umane. Una task force da Caltanissetta a Enna che ha vinto una corsa contro il tempo.

A una donna di 47 anni di Troina alla 32ª settimana di gravidanza veniva diagnosticato la placenta previa centrale con accreta, una condizione clinica che costituisce una delle principali cause di emorragia ostetrica, ancora oggi condizione ad alto rischio di mortalità e morbilità materna. Ci sono dal 50 al 70 per cento di probabilità di morte certa. "Dovevamo scegliere se recarci a Nicosia o andare a Enna scegliere l'Umberto I mi ha salvata la vita", ha dichiarato la signora Rosalia ancora provata ma serena adesso ricoverata nel reparto di Ostetricia.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X