TRIBUNALE

«Fittizi smarrimenti di pecore», assoluzione per due imprenditrici ennesi

di

ENNA. Erano accusate di avere dichiarato falsamente lo smarrimento di decine di pecore, nel giro di quattro anni. Ma tutti gli ovini erano stati regolarmente ritrovati e stavano bene; e in aula è emerso che agirono in buona fede.

Per questo due imprenditrici, Giuseppina Costa, 53 anni, e Borina Di Prima di 25, sono state assolte con formula piena dalle accuse, contestate a vario titolo, di falso e simulazione di reato. La sentenza è stata emessa ieri mattina dal presidente della sezione penale del Tribunale di Enna, Francesco Paolo Pitarresi, che ha accolto la tesi dei legali delle imputate, gli avvocati Paolo Giuseppe Piazza e Catena Di Fazio.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X