ENNA

Estorsione a un commerciante: Amaradio assolto al maxi processo

di

ENNA. È l’ultimo stralcio del maxi-processo alla mafia ennese, che ha visto condannati quattordici tra boss e soldati dei clan di Caltagirone, Riesi e Messina, legati tutti a doppia mandata con la cosca di Enna, dello storico boss Gaetano Leonardo. Ora Giancarlo Amaradio, l’ultimo dei capimafia conosciuti del clan di Enna, già ripetutamente condannato per mafia e pizzo, è stato assolto da un’accusa di estorsione risalente al periodo in cui era minorenne.

Era la prima metà degli anni Novanta. E i resoconti dei processi, in effetti, narrano che solo sul finire di quel Decennio, quand’era all’incirca ventenne, Amaradio entrò a far parte dell’Onorata società, su decisione dello stesso Leonardo, da cui fu battezzato e a cui subentrerà, a un certo punto, per effetto della prolungata detenzione al 41 bis del suo «padrino».

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X