ANIMALI

Nuovo focolaio di brucellosi: «Enna è tra le province più sicure»

di

ENNA. Il 98,13 per cento dei bovini cresciuti in provincia di Enna, nell’ultimo anno, è risultato sanissimo e immune da alcuna malattia animale. Il dato, contenuto nelle elaborazioni dell’Istituto zooprofilattico sperimentale diffuse alcuni giorni fa, fa passare quasi in secondo piano il nuovo sequestro di un allevamento, ordinato dal Comune di Enna per un focolaio di brucellosi, in contrada Cozzo Povero.

Enna, in sostanza, è la sesta provincia in Sicilia quanto a sicurezza delle carni, in un quadro d’insieme che, va detto, appare decisamente rassicurante. Il minor numero di capi infetti, lo 0,21 per cento del totale, si trova ad Agrigento, seguito quasi a ruota da Caltanisetta, con lo 0,55 per cento, poi Palermo (0,8), Trapani (1,06), Siracusa (1,65) ed Enna (forte del suo quasi impercettibile 1,87 per cento di bovini risultati positivi alla brucellosi). Seguono Catania, con il 2,93, Ragusa, 3,54 per cento, e Messina, con il 9,69 per cento di capi infetti.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X