VIOLENZA A SCUOLA

Bullismo nell'Ennese, dieci giovani rinviati a giudizio

di

ENNA. Una quindicenne sarebbe stata ripetutamente picchiata, minacciata e schernita dai suoi compagni di classe. Avrebbe vissuto, secondo ciò che ha riferito, un vero e proprio incubo ricorrente, una situazione talmente insostenibile da costringerla a lasciare quell’istituto e andare a vivere in un’altra provincia della Sicilia.

Per questo, un’incredibile storia di bullismo avvenuta in una scuola della provincia ennese, il Gup del Tribunale minorile di Caltanissetta ha rinviato a giudizio otto ragazzi e due ragazze.  I presunti bulli erano ragazzi e ragazze del primo e secondo anno delle superiori, residenti in varie cittadine della zona nord. Di loro ovviamente non si possono pubblicare le generalità, perché tra il 2011 e il 2012, periodo a cui risale questa vicenda, avevano dai 15 ai 16 anni.

Per la stessa ragione, dato che è coinvolta un’intera classe delle superiori, non si possono neppure fornire troppi dettagli. La giovanissima «persona offesa» è assistita dall’avvocato Silvano Domina. Secondo la Procura minorile, sarebbe stata minacciata da un coetaneo armato di un coltello nella sua stessa classe e presa in giro più volte, da otto ragazzi e due ragazze, nell’aprile del 2012. Le avrebbero pure sputato addosso e l’avrebbero apostrofata con frasi come «sei pazza, sei pazza».

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X