L'INIZIATIVA

Venti detenuti ennesi diventano atleti per "Vivicittà"

di

ENNA. Una bella giornata all’insegna dell’integrazione e inclusione sociale e contro i pregiudizi quella di ieri quando all’interno della Casa Circondariale di Enna si è corsa la prova del «Vivicittà», organizzata dal comitato provinciale Uisp presieduto da Enzo Bonasera. In tutta Italia sono una ventina le carceri dove si è corsa la Vivicittà, di cui solo 2 in Sicilia: oltre quella di Enna anche a Ragusa.

Nel capoluogo grazie alla disponibilità della direttrice della struttura, Letizia Bellelli, sono stati quasi in cinquanta - una ventina di detenuti più una trentina di atleti venuti dall’esterno, non solo dal capoluogo ma anche da Leonforte e Barrafranca, oltre ad una rappresentanza del Gruppo Sportivo dei Vigili del Fuoco - a dare vita ad una gara di circa 3 chilometri dal forte significato sociale. «È stata una bella giornata di sport ma anche di forti significati etici - ha detto Letizia Bellelli - siamo sempre disponibili a qualsiasi attività sportiva e non solo che vada verso l’integrazione».

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X