IL CASO

Piazza Armerina resta senza parco archeologico

di

PIAZZA ARMERINA. Niente perimetro, niente Parco e niente autonomia finanziaria. Il Parco Archeologico della Villa Romana del Casale continua a rimanere un'incompiuta che non porta ancora alla gestione degli incassi. "L'autonomia dei parchi archeologici passa anche dalla definizione della loro perimetrazione, ad oggi ne mancano all'appello soltanto quattro su diciotto".

Ad affermarlo il vice presidente vicario dell'Ars, il deputato regionale piazzese Antonio Venturino, che giovedì pomeriggio ha incontrato il dirigente generale dei Beni Culturali Gaetano Pennino, il quale si sarebbe impegnato a sollecitare i soprintendenti dei parchi di Morgantina, Villa del Casale, Gela e Isole Eolie, affinché procedano alla definizione della perimetrazione delle aree archeologiche. In Sicilia c'è l'esempio della Valle dei Templi, sito turistico nel quale tutti i soldi lasciati dai turisti rimangono nel Parco e consentono una gestione che può contare ogni anno su fondi certi e disponibili.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X