IL CASO

Valguarnera, l'ambulatorio finisce... a scuola

di

VALGUARNERA. Le aule ospitano il tempo prolungato di 36 ore, che col prossimo anno scolastico potrebbero saltare nel caso in cui l' Asp non dovesse essere in grado di lasciare i locali. E cresce il coro di proteste Rino Caltagirone . La soluzione individuata dal sindaco Francesca Draià di spostare, se pur provvisoriamente, i servizi poliambulatoriali presso un' ala della scuola Media "Lanza", dopo il fallimento della trattativa col Boccone del Povero, non è condivisa affatto dal personale della scuola e dalle famiglie degli alunni.

«Da qui non ci muoviamo» avevano dichiarato a caldo- alcuni di loro- dopo il sopralluogo di giovedì mattina effettuato dai dirigenti Asp, dai loro tecnici e da una delegazione comunale capeggiata dal vicesindaco Concetta Greco. Certo una soluzione si doveva trovare, dopo la chiusura a tempo indeterminato del poliambulatorio, disposta dai Nas lo scorso 18 aprile.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI ENNA DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

 

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X