POLIZIA

«Rapinò supermercato ad Enna»: un obbligo di dimora a Catania

di

ENNA. Sarebbe venuta a rubare cosmetici e prodotti per l' igiene in un negozio di Enna, assieme a vari complici, tra cui la figlia diciassettenne. E quando il proprietario si sarebbe accorto del taccheggio, per fuggire l' avrebbero aggredito. Per questo adesso la polizia ha notificato l' obbligo di dimora a Catania a una quarantaduenne etnea, A.C., indagata per rapina in concorso e lesioni ai danni del negoziante.

Il provvedimento segue di quasi un mese un analogo provvedimento preso nei confronti della figlia, per cui però il Gip del Tribunale per i minori ha disposto il collocamento in comunità. L' indagine è stata condotta dagli uomini della Squadra Mobile di Enna, diretta dal vicequestore Gabriele Presti, e coordinata dal sostituto procuratore Giovanni Romano. L' ordinanza è del Gip Luisa Maria Bruno.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI ENNA DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X