IL CASO

Museo di Piazza Armerina, carte sequestrate: i fondi sono a rischio

di

PIAZZA ARMERINA. Sequestrati parte degli atti relativi alle opere di realizzazione del Museo del Palio, il Comune rischia di non poter incassare parte del finanziamento regionale necessario a coprire i lavori e la giunta corre ai ripari nominando un legale per chiedere, tra le altre cose, il dissequestro della documentazione.

La Procura di Enna avrebbe aperto un fascicolo contro ignoti, un’indagine, probabilmente partita da un esposto, a seguito della quale sarebbe stata acquisita la documentazione in originale relativa all’esecuzione delle opere previste nel progetto esecutivo originario e nel successivo progetto di variante, tutti atti relativi alla ristrutturazione e allestimento dei locali comunali di via Monsignor Sturzo da destinare a Museo del Palio. L’ufficio Tecnico, adesso, ha chiesto con una nota all’amministrazione comunale di muoversi per chiedere il dissequestro degli atti per evitare che il Comune possa subire dei danni.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI ENNA DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X