IL CASO

«Violentò operatrice»: Enna, il processo è da rifare

di

ENNA. Nel gennaio di due anni fa i carabinieri lo avevano arrestato per violenza sessuale ai danni di un' operatrice del centro di accoglienza in cui si trovava. Per questo, un giovane immigrato del Mali è rimasto dieci mesi al carcere degli adulti, nonostante avesse ripetuto sin dall' inizio la stessa cosa: «Ho 17 anni».

Nessuno però gli ha creduto, inizialmente, anche perché sembrava molto più grande, e c' è voluta un' indagine anagrafica - dopo che una perizia auxologica lo aveva ritenuto «indubbiamente maggiorenne» - nel suo Paese, per accertare che non aveva mentito. Così il processo, che era già entrato nel vivo di fronte al Tribunale collegiale di Enna, è stato annullato e ora il ragazzo è stato rinviato a giudizio dinanzi al Tribunale per i minorenni di Caltanissetta.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI ENNA DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X