VIGILI DEL FUOCO

Piazza, ordigni bellici esplodono durante un rogo

di

PIAZZA ARMERINA. Incendio con il botto la notte scorsa tra i boschi comunali di contrada Bellia, nella zona del Sanatorio e accanto ad un tratto della statale che dalla città dei mosaici sale verso Aidone. Uomini del Corpo Forestale e vigili del fuoco del vicino distaccamento, con il supporto di canadair ed elicotteri, sono stati per ore e ore impegnati per tentare di contenere le fiamme.

Ettari ed ettari di eucaliptus e pineta andati distrutti, anche se il bilancio ancora non è definitivo e le operazioni continuano a causa delle difficoltà di spegnimento. Al fuoco, infatti, si è aggiunto il grave pericolo legato all' esplosione di alcune vecchie bombe militari, uno dei tanti residuati bellici disseminati tra i boschi di contrada Santa Caterina, area nella quale ancora oggi, a distanza di oltre 60 anni, continuano a trovarsi ordigni bellici nel sottobosco.

Diversi i botti uditi dalle forze impegnate nelle attività di contenimento del fuoco. L' esplosione di una polveriera, fatta saltare dai nazi -fascisti in seguito allo sbarco degli alleati in Sicilia nella seconda guerra mondiale, infatti, ha riempito una vasta area di materiale esplosivo.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI ENNA DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X