PIAZZA ARMERINA

Bimbo morto in grembo, chiesto processo per ginecologo

di

ENNA. Giunta in ospedale, una donna al nono mese di gravidanza fu informata che il suo piccolo era morto. Per questo la Procura di Enna ha chiesto il rinvio a giudizio, con l' ipotesi di reato di omicidio colposo, per il dottore V.L., ginecologo in servizio a Piazza Armerina nell'autunno 2014, il medico che due settimane prima del ricovero della madre, l'aveva visitata.

Il decesso, poi, sarà constatato il 7 ottobre. La richiesta di rinvio a giudizio è stata depositata dal procuratore Massimo Palmeri e riguarda una morte dovuta, secondo quanto scritto nella ricostruzione del fatto elaborata dalla Procura al termine dell' indagine, a una "sofferenza fetale cronica, aggravata da un distacco parziale di placenta, ad andamento clinico subacqueo".

La Procura ipotizza che il medico, il quale dovrà comparire il prossimo 1 dicembre dinanzi al Gup Luisa Maria Bruno per l'udienza preliminare, avrebbe involontariamente provocato la morte endouterina del feto. All'inizio di dicembre, in pratica, il giudice dovrà decidere se gli elementi dell' accusa siano idonei, o meno, a disporre un giudizio.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI CALTANISSETTA DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

 

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X