ENTI LOCALI

Piazza Armerina, l'Ipab chiude e il Comune rischia il dissesto

di

PIAZZA ARMERINA. L' Ipab chiude e patrimonio, debiti e personale passano al Comune che dall'oggi al domani si ritrova 4 milioni di debiti sul groppone e altri dieci dipendenti da pagare. La Regione "estingue" la Casa di Riposo San Giuseppe con proprio decreto e ora sono guai seri per le finanze del comune piazzese che rischia il dissesto finanziario.

«Ho sentito il presidente della Regione Siciliana Rosario Crocetta, non può pensare di fare fallire in questo modo il nostro comune, gli ho già preannunciato che impugneremo l' atto e ci difenderemo in tutte le sedi competenti», spiega nella sua prima reazione il sindaco Filippo Miroddi, gravemente preoccupato per le gravissime conseguenze che il decreto regionale avrà sul futuro del comune armerino. Si va al giudizio davanti al Tar di Palermo e ad un contenzioso giudiziario e politico con la Regione Siciliana.

Ma nel frattempo, se non arriverà subito una sospensiva da parte dei giudici amministrativi, Piazza rischia il fallimento.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI CALTANISSETTA DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X