TRIBUNALE

Catenanuova, due condanne per l'omicidio Donzì

di

CATENANUOVA. Il venticinquenne Vito Donzì, nel 1997, fu inghiottito dalla lupara bianca a Catenanuova. Il delitto fu commesso da un gruppo satellite del clan ennese di Cosa Nostra.
Adesso è una verità processuale. La vittima, un giovane ritenuto scomodo e "inviso" alla mafia ennese, fu uccisa a colpi di pistola. Poi il corpo venne distrutto con un rituale orrendo: dato alle fiamme in una discarica di pneumatici, ne fu gettata una parte in un laghetto e infine sotterrata, visto che galleggiava. Adesso i giudici della prima sezione penale della Corte di Cassazione hanno ridotto, dall' ergastolo a 30 anni, la pena inflitta a Salvatore Leonardi, ritenuto il mandante, e Salvatore Marletta, ritenuto invece il basista dell' omicidio. A commetterlo fu Nino Mavica, collaboratore di giustizia reo confesso ma uscito senza macchia dal processo grazie alle attenuanti (in particolare proprio all' attenuante specifica che spetta ai pentiti), che hanno fatto subentrare la prescrizione, benché si trattasse di un omicidio. La Corte di Cassazione, dunque, ieri ha escluso la possibilità di infliggere l' ergastolo ai due imputati, virando sui 30 anni e dichiarando la pena definitiva.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI ENNA DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X