PROTESTE

Furti di rame a Piazza, disagi per le aziende e per 30 famiglie

di

PIAZZA ARMERINA. Da tre giorni senza energia elettrica, con lo spettro di rimanere nelle stesse condizioni per tre o quattro settimane. Gravissimi disagi quelli che si prospettano per una trentina di famiglie e aziende di contrada Fegotto, Fegotello, Camemi e Malcristiano, nella zona sud del territorio armerino, dopo il maxi furto di diversi chilometri di rame dalle linee elettriche gestite da Enel Distribuzione.

Il racket del rame rischia di mettere in ginocchio una fetta della comunità che vive e in molti casi lavora 365 giorni all' anno in queste aree a circa 3 chilometri dal centro abitato. Ieri mattina un gruppo di residenti si è recato presso gli uffici dell' Enel di piazza Boris Giuliano per manifestare il proprio disagio e chiedere la tempistica degli interventi di riparazione delle linee elettriche.

Purtroppo si parla diversi chilometri di conduttori elettrici trafugati da ignoti dalle palificazioni delle contrade, un danno che colpisce la stessa Enel che si ritrova a dover gestire una situazione di grave emergenza con la quale deve ormai convivere da molti anni a causa della piaga dei furti di rame.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI ENNA DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X