IL PROCESSO

"Escluso dal lavoro per mafia", forestale reintegrato a Enna

di

ENNA. All' inizio degli anni '90 è stato coinvolto in una delle primissime inchieste antimafia che erano state fatte sul territorio ennese. Indagato a piede libero, scelse di patteggiare una condanna a due anni, con la sospensione condizionale delle pena, per associazione mafiosa.

Da quel momento, e sono passati oltre ventidue anni, non ebbe mai più alcun guaio con la giustizia.
Nonostante ciò, per quella vecchia sentenza, un operaio sta gionale della Forestale, un «centunista» - si tratta dei lavoratori che vengono assunti ogni anno per lavorare poco più di tre mesi, per centouno giornate, o giù di lì - era stato cancellato dagli elenchi dei lavoratori, su decisione della Regione.

Adesso però il giudice del lavoro del Tribunale di Enna ha disposto il suo reinserimento negli elenchi degli stagionali, condannando pure la Regione a pagare il rimborso delle spese del contenzioso.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI ENNA DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X