LA PROTESTA

Enna, piazza Santa Chiara è quasi al buio

di

ENNA. Enna è vestita a festa. L' illuminazione per le celebrazioni di Maria Santissima della Visitazione si spreca e le principali vie pagano un over dose di colori. Non è così per una delle più centrali piazze cittadine: piazza Napoleone Colajanni o meglio ancora piazza Santa Chiara. Nel perimetro dello slargo l' hotel Sicilia, un ristorante, un sacrario, una scuola e la facciata del palazzo dei Benedettini. Una piazza storica e artistica allo stesso tempo dove al centro troneggia la statua dell' ono revole Napoleone Colajanni. «In questi giorni l' hotel conta numerosi ospiti - dice Liborio Lamartina uno dei gestori dell' albergo - e da tutti una critica per la scadente l' illuminazione della piazza, è quasi al buio. In atto viene assicurata da un solo faro che non s' inserisce per nulla col tono degli edifici. E non riesce a produrre luce a sufficienza».

È una critica rivolta all' amminstrazione comunale da tempo. Lo stesso problema venne sollevato già con la giunta Garofalo e adesso con Dipietro. Nella piazza stavano ben posizionati quattro candelabri artistici di ghisa che assicuravano luce e davano un tono all' area. Anni fa operai del Comune tagliarono ad un metro dalla base tre dei quattro candelabri e i monconi sono stati utilizzati come cestini porta rifiuti.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI ENNA DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X