AI DOMICILIARI

"Presa a pugni perché non aveva preparato la cena", arrestato a Nicosia

di

NICOSIA. Al suo ritorno a casa non ha trovato la cena pronta e, in preda alla rabbia, si è scagliato contro la convivente, prendendola a pugni e minacciandola con un coltello. E' accaduto a Nicosia, in provincia di Enna, dove un giovane 24enne è stato fermato e arrestato dai carabinieri in flagranza di reato.

Secondo una prima ricostruzione il giovane sarebbe rientrato a casa e si sarebbe arrabbiato perché la compagna non aveva cucinato e apparecchiato la tavola. La donna aveva in braccio la figlia minore di 7 mesi e avrebbe giustificato il proprio ritardo perché era stata in visita da un’amica. Da qui sarebbero scaturite le percosse e la minaccia con un coltello.

La donna  avrebbe reagito con tutte le sue forze respingendo l’assalto del compagno e riuscendo a scappare fuori di casa. La vittima si sarebbe rifugiata dai vicini di casa. Ed è così scattata la segnalazione al 112. I carabinieri, arrivati nell’abitazione, hanno bloccato il 24enne.

I militari avrebbero  trovato la donna in forte stato di agitazione e avrebbero riscontrato i segni di colluttazione sul suo viso e su quello della bimba. L’abitazione è stata trovata a soqquadro con diversi mobili ed arredi rotti. I carabinieri hanno trovato e sequestrato il coltello che sarebbe stato usato per le minacce.

La donna è stata soccorsa dal  personale del 118 e trasportata all’ospedale Basilotta di Nicosia dove è stata visitata. I medici le hanno riscontrato delle contusioni nel viso, nelle mandibole e nelle spalle, guaribili in sei giorni. Il ragazzo è stato arrestato e portato nell’abitazione dei propri genitori agli arresti domiciliari come disposto dal magistrato della Procura della Repubblica di Enna, Francesco Rio.

Il 19 gennaio del 2015 il giovane era stato arrestato per lo stesso reato ed era stato ammonito dai Carabinieri della compagnia di Nicosia. I carabinieri avrebbero scoperto che dal gennaio del 2015, si sarebbero verificati altri  episodi di violenza domestica nei confronti della donna, che la convivente però non ha mai avuto il coraggio di denunciare per amore dei figli.

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X