LA SENTENZA

Fondazione Proserpina, sì dal Tribunale ai corsi di medicina in rumeno

ENNA. Se ogni Paese europeo potesse liberamente aprire università in altre Nazioni dell'Ue «estenderebbe la sua sovranità, in maniera del tutto inammisibile, ben oltre i propri confini» e pertanto «non può trovare riconoscimento l'assunto della Fondazione Proserpina secondo cui sarebbe legittima l'apertura di una sede delocalizzata a Enna» della facoltà di Medicina dell'ateneo romeno Dunarea De Jos.

Ma questo non basta a giustificare un provvedimento d'urgenza da parte della magistratura italiana che sarebbe inadeguato di fronte a una presunta usurpazione del potere e delle facoltà del Miur, quale espressione del potere sovrano.

Lo scrive il Tribunale civile di Caltanissetta nel provvedimento con il quale rigetta il reclamo del ministero dell'Università confermando la decisione del giudice monocratico sull'apertura dei corsi di Medicina a Enna da parte della Fondazione Proserpina di non bloccare l'attività della facoltà romena.

I giudici hanno ritenuto anche «evidente sia l'estraneità degli assessorati della Regione Siciliana, dell'Asp di Enna e dell'università Kore» rispetto alle attività dell'università romena.

Il Tribunale ha ritenuto, diversamente da quanto fatto dal giudice di primo grado, esistente il 'fumus boni iurì, ma ha ritenuto allo stesso tempo carente il pericolo del 'periculum in mora": nessun danno al Miur, per il Tribunale, è stato attuato neppure all'immagine.

I giudici hanno sottolineato che neppure il presupposto del libero scambio in Europa può giustificare l'iniziativa, ma «lo strumento di tutela non può certo rinvenirsi nell'adozione di provvedimenti d'urgenza, ex art. 700 c.p.c., destinati ad operare nell'ambito di situazioni giuridiche soggettive facenti capo a persone fisiche o giuridiche». Per questo ha rigettato il reclamo del Miur.

«Con la sentenza depositata oggi, il Tribunale ha, quindi, dato nuovamente torto al Ministero italiano, condannandolo, altresì, al pagamento delle spese di lite, mentre l'attività dell'estensione di Enna continua, dopo la conclusione del primo anno accademico, con l'avvio dei corsi intensivi di lingua romena, propedeutici all'accesso alle selezioni per l'iscrizione al primo anno della facoltà di
Medicina e delle Professioni Sanitarie». Lo afferma in una nota la Fondazione Proserpina di Enna.

«Abbiamo atteso con serenità l'ulteriore epilogo della vicenda - ha dichiarato l'ex senatore del Pd Mirello Crisafulli, ora amministratore della Fondazione Proserpina - sicuri delle nostre buoni ragioni. Oggi, come ieri, le sentenze non si commentano, se ne prende atto e si applicano. Come spero voglia finalmente fare il Miur. Il ricorso è stato respinto e, come avevamo sostenuto, ha perso il Miur ed ha vinto l'Europa».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X