COMUNE

Piazza Armerina e l'«incubo» dei debiti della casa di riposo

di

PIAZZA ARMERINA. Quattro riunioni e quattro rinvii in pochi giorni, pochi consiglieri presenti e nessuna decisione reale presa per evitare il default del Comune. La «patata bollente» del rischio dissesto delle casse comunali, legato ai 4 milioni di debiti della casa di riposo San Giuseppe accollati al bilancio dell' ente locale, crea imbarazzo, tensioni e incertezza tra i consiglieri comunali.

Era stata convocata una seduta straordinaria e urgente dell' aula per affrontare la questione, dopo la decisione del sindaco Filippo Miroddi di impugnare davanti al Tar il decreto regionale con cui sono stati trasferiti al Comune tutti i debiti e tutti i dipendenti di ruolo dell' istituto assistenziale di Piano Sant' Ippolito.

Il centro è ormai chiuso da quasi due anni perché in profondo rosso nei conti per via dell' incredibile mole di stipendi arretrati da pagare al personale.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI ENNA DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X