BENI CULTURALI

Enna, inchiesta sui lavori al Castello: Siciliantica chiede il dissequestro

di

 ENNA.  Restituire il simbolo della città alla cittadinanza. È quanto chiede la sede di Enna di Sicilantica, il cui presidente è Gaetano Marchiafava, alla Procura della Repubblica riguardo al Castello di Lombardia. Sempre Marchiafava sollecita che vengano il prima possibile completati i lavori ormai fermi da tempo.

Una storia molto "complicata" quella che interessa il castello di Lombardia sito monumentale con una estensione di oltre 26 mila metri quadrati inizialmente area sacra, dedicata al culto di Demetra/Cerere, poi impenetrabile fortezza nei periodi Bizantino, Arabo e Medievale.

Il simbolo della città di Enna è tra le più grandi e antiche fortezze d' Italia, meta di decine di migliaia di turisti ogni anno.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI ENNA DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X