Enna, Politica
IL CASO

Enna, l'Udc si autoconvoca in congresso: ma il vertice manda il commissario

di

ENNA. Diaspora nell' Udc ennese. Le sezioni comunali già organizzate hanno partecipato, due domeniche fa, ad un congresso autoconvocato che ha eletto Marco Di Dio Datola segretario provinciale. Ma la segreteria nazionale non condivide e un giorno prima, aveva già avuto sentori, ha nominato un commissario, Nedo Poli.

Il fronte contro il commissariamento è stato pressochè comune ad eccezione del comitato comunale di Enna che non ha partecipato al congresso autoconvocato. In questo momento in provincia l' Udc ha due vertici.

Il perchè della scelta di Enna lo spiega il segretario comunale Michele Macaluso: "Le motivazioni sono molteplici" Iniziamo: "Datola è commissario da 11 mesi e poteva esserlo solo per 3, ma non voglio polemizzare mi interessa solo sottolineare l' approssimazione con la quale è stato organizzato il congresso provinciale senza rispetto delle norme e del regolamento del partito".

Macaluso esclude l' ipotesi dell' autoconvocazione: "Occorreva invece una convocazione ordinaria dei tesse rati che avrebbero eletto i delegati e poi il segretario con il comitato provinciale e i delegati al congresso regionale".

Il segretario di Enna sostiene che "l' autoconvocazione è prevista per i comitati in carica e viene deliberata a maggioranza dei propri componenti e riguarda un congresso straordinario approvato dalla Direzione nazionale". Invece "è stata indetta una riunione alla quale hanno risposto all' appello telefonico 18 tesserati di 6 realtà comunali. E visto che si trovavano a celebrare il congresso in un bar, tra un caffè.

Scopri di più nell’edizione digitale

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Enna: i più cliccati