TRIBUNALE

"Cento chili di petardi in casa", condannato a Catenanuova

di

CATENANUOVA. Avrebbe custodito cento chili di petardi o fuochi, in generale, nella sala da pranzo di casa sua, alla vigilia della Notte di San Silvestro. Era il 30 dicembre 2012.

Per questo un catenanuovese, G.M., quarantunenne incensurato, è stato condannato a 6 mesi di arresto e 200 euro di ammenda, oltre che al pagamento delle spese processuali, con pena sospesa. La vicenda scaturisce da una perquisizione svolta dai carabinieri della stazione di Catenanuova. Appena vide i militari, l' uomo consegnò spontaneamente tutto, senza opporre alcuna resistenza.

E poi in aula si giustificò, dicendo che li aveva comprati alle sette di sera e che la mattina seguente, alle 7, è scattata la perquisizione: non aveva avuto il tempo, in pratica, di andare in caserma a dichiarare la detenzione del materiale.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI ENNA DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X