SANITA'

Ospedali, continua il riordino della rete: tagli a reparti e pronto soccorso

di

ENNA. Il riordino della rete ospedaliera siciliana consegna una sanità Ennese fortemente depotenziata, destruttrata e declassata rispetto agli attuali assetti organizzativi, con la perdita consistente di posti letto e unità lavorative. La nuova rete prevede l' accorpamento dell' ospedale «Umberto I» di Enna, del «Chiello» di Piazza Armerina e del «Ferro Capra Branciforti» di Leonforte. Che diventeranno uno Spoke con unico pronto soccorso ad Enna. Mentre per il «Basilotta» di Nicosia, che manterrà il pronto soccorso, verranno tagliati la metà delle unità operative.

La notizia è arrivata, accolta dal territorio come una calamità, dopo che l' assessore alla Salute in Sicilia Baldo Gucciardi ha illustrato, giovedì pomeriggio, prima ai direttori generali delle aziende ospedaliere e poi ai sindacati, la nuova organizzazione della Sanità siciliana.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI ENNA DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X