SANITA'

Piazza Armerina, le associazioni dicono "no" alla chiusura del pronto soccorso

di

PIAZZA ARMERINA. Un no secco alla chiusura del Pronto Soccorso e al depotenziamento dell' ospedale Chiello. L' associazionismo armerino, dopo una riunione d' urgenza scattata in seguito alle nuove conseguenze negative legate all' ennesimo piano di rimodulazione regionale del sistema sanitario, denuncia "il tentativo maldestro, tutt' ora in corso, di depotenziare le strutture sanitarie in Sicilia, ivi compreso quello del Pronto Soccorso del Chiello", e scrive una nota comune per lanciare un appello alle istituzioni regionali.

Da Legambiente ai comitati di quartiere, da Italia Nostra alla Fidapa e agli altri club service, passando per l' Uciim e le società sportive, in un documento comune si sottolinea come in questo modo venga negato il diritto alla salute dei cittadini, garantito dalla Costituzione Italiana, e si chiede alle competenti autorità cittadine, provinciali, regionali e nazionali, di "scongiurare questo infelice tentativo, giustificato da esigenze di mera razionalizzazione della spesa sanitaria nazionale".

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI ENNA DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X