SANITA'

Ospedali dell'Ennese, i sindaci: «Il personale resta carente»

di
OSPEDALI, sanità, Enna, Politica

ENNA. Non sono bastate le parole del presidente Crocetta, che pochi giorni fa ha definito una "tempesta in un bicchier d' acqua" le notizie circolate sul rischio di taglio degli ospedali più piccoli a rassicurare i sindaci di Leonforte, Piazza Armerina e Nicosia. «Dovranno passare sul mio cadavere - dice Filippo Miroddi, sindaco della Città dei mosaici -per potere distruggere la sanità nel nostro territorio». Del tema si è parlato in consiglio comunale a Piazza Armerina, pochi giorni fa. E pure in quella sede il primo cittadino ha tuonato contro i tagli.

«È inutile che dicano di voler potenziare le strutture quando il trend è negativo - afferma Miroddi -. Se in un ospedale, un' unità operativa complessa diventa semplice e perde il primario; al tempo stesso in un altro reparto, quando andrà via il primario, rimarrà senza; poi diminuiscono i posti letto; allora è chiaro che il trend è molto negativo. Di questo passo, la fine è vicina. Non voglio lanciare un grido d' allarme io, ma l' ho già detto nella conferenza dei sindaci: questa è l' agonia della sanità ennese».

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI ENNA DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

Scopri di più nell’edizione digitale

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Enna: i più cliccati