TRIBUNALE

Nicosia, finisce al tar di Catania la vertenza sulla discarica di S.Giacomo

di

NICOSIA. Fa ancora parlare, e questa volta davanti al Tribunale amministrativo regionale, la realizzazione di un sito di stoccaggio per inerti in contrada San Giacomo. Il Comune che aveva ritirato, a marzo scorso, la disponibilità dell' area di San Giacomo per sostituirla con un' altra nella ex discarica San Giovanni - Canalotto, è stato citato dalla Ecologica Nicosia Srl perché ha chiuso "in maniera unilaterale" la conferenza dei servizi. "Ci siamo rivolti al Tar - spiegano dalla società perché il Comune ha chiuso in maniera unilaterale la conferenza dei servizi che era stata sospesa e quando abbiamo sollecitato la riapertura è ar rivata l' archiviazione da parte del dirigente dell' Ufficio tecnico comunale".

Il Comune, che sarà rappresentato dall' avvocato Carmelo Panatteri, non teme il giudizio amministrativo. "La conferenza dei servizi - spiega il vice sindaco Annamaria Gemmellaro - è stata chiusa perché l' autorizzazione del nuovo sito non è di nostra competenza. Al Comune compete - sottolinea - il rilascio della conformità urbanistica ma della pratica adesso che si parla di un' altra area deve occuparsi il Libero consorzio di Enna che deve autorizzare l' attività. La ditta non è a noi che deve rivolgersi, ma al Libero consorzio".

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI ENNA DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X