AMBIENTE

Nicosia, il deposito di inerti: il Tar dà ragione al Comune

di
Enna, Cronaca

NICOSIA.  Deposito per inerti in contrada San Giacomo. Il Tar di Catania respinge la richiesta di sospensiva avanzata dalla «Ecologica Nicosia» nei confronti del provvedimento del Comune di Nicosia, che aveva sospeso, e quindi archiviato, "in maniera unilaterale", la conferenza di servizi.

Per il Tribunale amministrativo, la procedura adottata dal Comune di Nicosia tramite del dirigente dell' Ufficio tecnico Nino Testa Camillo, responsabile dello Sportello unico attività produttive, sarebbe corretta. Ma è possibile che adesso la società ricorra al Cga.
La società si era rivolta al Tar perché il Comune aveva chiuso in ma niera unilaterale la conferenza dei servizi che era stata sospesa e quando la «Ecologica» ne aveva sollecitato la riapertura era arrivata l' archiviazione da parte del dirigente dell' Ufficio tecnico comunale.

Il Comune aveva spiegato che la conferenza dei servizi era stata chiusa perché l' autorizzazione del nuovo sito non è di competenza comunale, ma del Libero consorzio di Enna che dovrebbe autorizzare l' attività.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DELLA SICILIA ORIENTALE DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

 

Scopri di più nell’edizione digitale

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Enna: i più cliccati