IL CASO

Enna, morti sospette in ospedale fra i sanitari

di

ENNA. Morti sospette all'ospedale «Umberto I» di Enna. I decessi non riguardano i pazienti, ma i dipendenti in servizio al reparto di Radioterapia.
Sono quattro nel giro di pochi anni cui, poi, si aggiungerebbero anche altri dipendenti che sono affetti da neoplasie. E per questo motivo, quindi, la Uil Funzione pubblica provinciale chiede che il ministero della Salute invii i propri ispettori per verificare il reale stato del reparto di Radiologia. Ed analoga richiesta, poi, verrà anche avanzata ai carabinieri del Nas.

«È inspiegabile questa altissima incidenza di tumori - afferma Giuseppe Adamo, segretario provinciale di Enna della Funzione pubblica della Uil -. Altri dipendenti, fortunatamente, sono riusciti a salvarsi, ma è assolutamente imbarazzante elencare tanti lavoratori che, impegnati quotidianamente nella propria attività lavorativa, devono rischiare la vita». La Uil, quindi, punta l' indice contro la proget tazione e la messa in opera dei locali della Radioterapia all' ospedale «Umberto I di Enna».

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DELLA SICILIA ORIENTALE DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X