TRIBUNALE

Nicosia, incendio danneggiò la riserva: in tre rinviati a giudizio

di

NICOSIA. Rinviati a giudizio i tre uomini individuati, dall’indagine congiunta di carabinieri e Corpo forestale dopo il devastante incendio del 2014 nella Riserva naturale orientata di Monte Altesina che mandò in fumo 60 ettari, tra boschi e terreni pascolivi. Devono rispondere dell’accusa di incendio colposo.

Il Gup, accogliendo la richiesta avanzata dalla Procura di Enna, ha rinviato a giudizio gli xibetani Carmelo Bruno, di 46 anni, Constantin Mira nato in Romania nel 1967 ma anche lui residente a Calascibetta, e il sessantenne Biagio Lombardo.

Secondo la ricostruzione investigativa del Nop del Corpo forestale e dei carabinieri della Stazione di Villadoro, il 22 settembre 2014, l’incendio, che distrusse 15 ettari di superficie boscata all’interno della Riserva naturale orientata Monte Altesina e 45 ettari di terreni pascolvi, era partito su terreni di proprietà di Carmelo Bruno che si trovano nella parte a valle del versante Altesinella. L’incendio si era propagato vertiginosamente, favorito dal forte vento di scirocco, verso la parte apicale, investendo essenze di conifere e latifoglie che erano andate completamente distrutte.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DELLA SICILIA ORIENTALE DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X