PROCURA

"Buco da mezzo milione sui ticket", indagine all'Asp di Enna

di
asp Enna, Enna, Cronaca
Fonte Pixabay

ENNA. Un ammanco di mezzo milione di euro all’Asp 4 di Enna. Soldi dei pazienti - utenti regolarmente versati per prestazioni sanitarie - ma mai arrivati nelle casse dell’Azienda sanitaria. La Procura di Enna ha aperto un fascicolo d’inchiesta, al momento contro ignoti, per l’ipotesi di reato di peculato. In particolare il mezzo milione di euro mancante sarebbe relativo ai ticket pagati per le prestazioni sanitarie dagli utenti esterni.

Come si sa bene, visto che è una prassi consolidata, quando si ci rivolge a qualunque Asp per una prestazione sanitaria, per esami di laboratorio, per visite specialistiche e controlli bisogna, attraverso il Cup (Centro unico prenotazioni) prima prenotarsi.

Viene fissata una data per la prestazione e quindi prima dell’esame richiesto bisogna pagare una quota, il ticket. Pagamento che avviene sempre in contanti e per il quale il paziente - utente ottiene una ricevuta. Dal Cup, che materialmente accetta i pagamenti, poi i soldi, ricevuti per il ticket delle prestazioni sanitarie, vengono trasferiti nelle casse dell’Asp.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DELLA SICILIA ORIENTALE DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X