SANITA'

Enna, attese e disagi in ospedale per il ticket

di

ENNA. La direzione aziendale dell’Asp 4 di Enna aveva annunciato dei disagi al Cup (Centro unico di prenotazione) e al call center, ma certo gli utenti non avrebbero mai immaginato di dover andare a pagare il ticket per le prestazioni sanitarie all’Ufficio postale.Una situazione che oltre all’aggravio di costi ha comportato notevoli disagi all’utenza dell’Umberto I di Enna, mentre al «Basilotta» di Nicosia, al «Chiello» di Piazza Armerina e al «Ferro - Branciforti - Capra» di Leonforte il Cup continua a ricevere i pagamenti, perchè la riscossione è stata affidata a dipendenti interni che stanno prendendo confidenza con un sistema computerizzato che non conoscevano e per questo i tempi di attesa per i pagamenti si sono allungati.

I disagi sono strettamente collegati alla risoluzione del contratto da parte dell’azienda sanitaria ennese alla ditta che gestito il Cup e che ora è al centro di una inchiesta della Procura di Enna per l’ammanco di circa 600 mila euro all’Asp 4 di Enna. Soldi dei pazienti - utenti regolarmente versati per il pagamento del ticket di prestazioni sanitarie, ma mai arrivati nelle casse dell’Azienda. A metà di gennaio si era saputo che la Procura di Enna aveva aperto un’indagine, dopo una segnalazione arrivata dalla stessa Asp, per l’ipotesi di reato di peculato.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DELLA SICILIA ORIENTALE DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook