INDAGINI IN CORSO

Adescava bambini a Leonforte, emergono altri casi e vittime di pedofilia

di

ENNA. La polizia ha scoperto nuovi inquietanti storie, nuove ipotesi di abusi sessuali e altre due possibili vittime del presunto adescatore di bambini arrestato a settembre per atti sessuali con minore. Allora la vittima era un ragazzino di tredici anni.

Adesso ci sarebbero altre due ipotesi di reato, anche se non è nota l’età esatta delle ultime, presunte, vittime scoperte. Ma intanto al cinquantunenne, un artigiano con la passione per piccoli lavoretti di riparazione delle biciclette, è stata notificata una nuova ordinanza di custodia cautelare in carcere, a seguito delle indagini compiute dagli agenti del Commissariato di Leonforte, diretti dal commissario capo Alessio Puglisi.

A emettere l’ordinanza è stato il gip di Enna Luisa Maria Bruno, su richiesta del pm Francesco Lo Gerfo. Il provvedimento gli è stato notificato in carcere, dove si trova dallo scorso settembre.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DELLA SICILIA ORIENTALE DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X