IL DATO

Enna, duemila posti di lavoro persi in provincia nell'edilizia

di
Crisi, edilizia, enna, posti di lavoro, Enna, Economia

ENNA. Duemila posti di lavoro persi, in provincia di Enna, in sei anni e dimezzamento delle ore lavorate dagli operai, ma anche del numero di aziende presenti nel territorio, passate in pochi anni da 800 a poco più di quattrocento.

A denunciare lo stato di agonia nel quale è costretta a vivere l’edilizia in provincia è la Fillea Cgil attraverso Alfredo Schillirò, segretario generale provinciale, il quale si sofferma sui datti che sono stati rilevati in cassa edile. «Dal 2010 ad oggi – spiega Schillirò – si sono persi in edilizia circa 2000 posti di lavoro, quindi, si è persa ricchezza per le famiglie del territorio Ennese».

Il problema è generale e riguarda l’intera Sicilia, ma in provincia di Enna il fenomeno ha raggiunto dei picchi elevatissimi. «Negli ultimi anni – aggiunge Schilirò - abbiamo registrato una cospicua flessione delle ore lavorate nel comparto dell’edilizia, tanto che si è passati dai 2 milioni 981 mila 843 ore lavorate nel 2008, l’ultimo anno prima dell’arrivo della crisi economica, al milione 112 mila e 586 ore lavorate nel 2016». Un calo che, in questo caso, sfiora il 60%, per cui “si stima – prosegue Schillirò - che la media per ogni lavoratore di ore lavorate nel 2008 era di 703 ore, mentre oggi è di 533 ore».

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DELLA SICILIA ORIENTALE DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

Scopri di più nell’edizione digitale

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Enna: i più cliccati