IL CASO

Mafia di Pietraperzia, la Dda ha chiuso l’inchiesta

di

PIETRAPERZIA. In tre anni, dal 2011 al 2013, il clan di Pietraperzia, uno dei più antichi e storicamente agguerriti della provincia di Enna, si sarebbe rimesso in moto, sotto una sorta di coordinamento affidato ad un triunvirato: Giuseppe Marotta, Vincenzo Capizzi e Giuseppe Piccicuto.

Ne è convinta la Dda di Caltanissetta, che ha chiuso con dieci indagati l’inchiesta “Primavera”, dal titolo dato dai carabinieri all’operazione che a giugno dell’anno scorso ha decapitato i presunti componenti di un’organizzazione operante in città.

Secondo gli investigatori, il gruppo avrebbe controllato l’“ordinaria amministrazione” della presunta cosca, che si sarebbe occupata di estorsioni, traffico di armi e droga e della gestione del cosiddetto controllo del territorio, sotto l’ala di Cosa nostra.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DELLA SICILIA ORIENTALE DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X