IL CASO

Solo tre comuni in provincia di Enna disposti ad ospitare i migranti

di

ENNA. Solo Calascibetta, Catenanuova ed Enna, dei 20 Comuni della ex provincia di Enna, hanno ufficialmente aderito al Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati (Sprar). Nicosia affronterà la questione nella seduta consiliare convocata per domani. Aidone, Regalbuto, Piazza Armerina e Villarosa, che fanno da tempo questo tipo di accoglienza, non dovranno aderire.

A fine gennaio si era tenuta in Prefettura una riunione con i rappresentati delle 20 amministrazioni comunali ennesi per un primo esame del Piano ANCI - Ministero dell’Interno, per un’accoglienza diffusa dei cittadini stranieri richiedenti asilo.

Enna, sulla base di una delibera di Giunta, accoglierà 70 immigrati, Catenanuova non ha indicato, nella delibera di Giunta il numero di persone da accogliere, Calascibetta, che aveva deliberato a novembre dello scorso anno, è pronta ad accogliere 20 rifugiati.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DELLA SICILIA ORIENTALE DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X