POLIZIA

"Black friday" sulle prestazioni di una connazionale, un arresto ad Enna

di

ENNA. Secondo la polizia, pensava a tutto lui. Cercava le case in affitto, nel centro storico di Enna, per consentire a una sua giovane connazionale di ricevere i clienti in tutta tranquillità. E faceva da “protettore”, verificando comportamenti e pagamenti, pronto a intervenire in caso di necessità e concordando con la giovane le tariffe da applicare, ivi compresa la singolare iniziativa del “black friday”, l’ultimo venerdì dello scorso novembre: sconti sulle prestazioni per tutti i clienti arrivati entro mezzanotte. Dopo quel giorno i due si trasferirono altrove.

Ma sfortunatamente per lui, è stato tutto documentato dalla squadra mobile di Enna, che ieri lo ha arrestato. Finisce in manette così il trentaquattrenne romeno George Marin, con le accuse di favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione. L’arresto, eseguito dagli uomini del vicequestore Gabriele Presti, in collaborazione con la polizia di frontiera dell’aeroporto catanese di Fontanarossa, dove Marin era in partenza per tornare a casa in Romania, è stato ordinato dal Gip di Enna.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DELLA SICILIA ORIENTALE DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X