TRIBUNALE

Travolse e uccise un ciclista, a processo un ennese

di

ENNA. Proprio nella settimana in cui vengono fuori, per la prima volta, i dati sulle autovetture non assicurate che circolano in provincia di Enna, si aprirà il processo per un omicidio stradale in cui il “pirata della strada”, il reo confesso Pasquale Mingrino, ha riferito di essere fuggito soprattutto “perché la macchina non era assicurata”, oltre che per paura.

La Procura ha chiuso in tempi record, infatti, l’inchiesta per la morte del ciclista ennese Maurizio Vaneria, un uomo stimato e benvoluto da tutti, sposato e padre di due figli, investito e ucciso sulla strada statale “pergusina” il 13 settembre. Il processo si aprirà giovedì dinanzi al Gup Elisabetta Mazza. Mingrino, dopo aver investito il ciclista, è fuggito senza prestare soccorso. Il processo si sarebbe dovuto svolgere con il giudizio immediato a febbraio, ma l’imputato ha chiesto il rito abbreviato. In aula si costituirà parte civile la famiglia della vittima, assistita dall’avvocato Mauro Di Natale, che nei mesi scorsi ha espresso un plauso alla Procura per la celerità con cui si è chiusa l’inchiesta, di cui è titolare il sostituto procuratore Giovanni Romano, coordinata dal Procuratore di Enna Massimo Palmeri.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DELLA SICILIA ORIENTALE DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook