IL CASO

Scandalo Expo, 40enne di Pietraperzia accusato anche di bancarotta

di

PIETRAPERZIA. Si aggrava la posizione di Liborio Pace, il quarantenne pietrino trasferitosi in Lombardia e coinvolto nell’inchiesta su mafia e appalti e sulle infiltrazioni di Cosa Nostra nella Fiera di Milano.

I Pm della Dda milanese chiedono di modificare una delle imputazioni a carico di Pace, contestandogli, oltre all’associazione a delinquere finalizzata al compimento di reati tributari, appropriazione indebita e riciclaggio, con l’aggravante di aver favorito Cosa Nostra, anche un’ipotesi di bancarotta fraudolenta.

Lo ha chiesto il pubblico ministero, che ha prodotto una documentazione contabile e la modifica dell’originario capo d’imputazione, meno grave, di appropriazione indebita – la modifica sarebbe stata proposta perché la società a cui sarebbe stato sottratto del denaro nel frattempo è fallita – adesso potrebbe portare anche a una richiesta di giudizio alternativo per Pace, che è difeso dall’avvocato Antonio Impellizzeri. Ma lo si comprenderà solo nel corso della prossima udienza. Il processo, che si è aperto il 15 novembre scorso, è già passato attraverso la celebrazione di ben undici udienze, dinanzi al Tribunale di Milano, in composizione collegiale. L’inchiesta, per cui è stato chiesto il giudizio immediato complessivamente a carico di nove persone, è stata coordinata dai Pm Ilda Boccassini, Paolo Storari e Sara Ombra. Pace è l’unico “ennese” coinvolto.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DELLA SICILIA ORIENTALE DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE (*jtr*)

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X