FESTA DEI RAMI

Troina, rivive un rito iniziatico per soli uomini

di
festa dei rami, TROINA, Enna, Società
Festa dei rami a Troina in una foto d'epoca

TROINA. Il termine vastedda (dall’antico francese gastel o wastel) in Sicilia designa in genere un pane rotondo, per antonomasia a Palermo il «pane con la milza», mentre a Troina è una deliziosa focaccia con i fiori del sambuco (vastedda cu’ sammucu), tradizionalmente associata con la Festa dei Rami, che ogni anno si protrae per ben tre settimane in onore del patrono San Silvestro, monaco basiliano.

A Troina tutto è già pronto: la sera di giovedì circa 600 devoti, tutti rigorosamente maschi, andranno a prendere il «massaro», e partiranno a piedi per l’appuntamento annuale del pellegrinaggio tradizionale, detto «viaggio».

Da quest’anno, nomina sunt omina, il massaro si chiama proprio Luigi Sambuco; come quello di un vero re, e come quella del rais della mattanza, fino a eventuale abdicazione, la sua carica è a vita.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X