TRIBUNALE

Appalti alla fiera di Milano, Pace: niente mafia

di

ENNA. Voleva mettere da parte il denaro, ricavato attraverso fondi neri provenienti da fatture false relative ad alcuni lavori in corso alla Fiera di Milano. E in un caso, peraltro, sarebbe stato anche beccato mentre stava trasportando 420 mila euro in contanti, mentre si imbarcava sul traghetto Napoli-Palermo. Tutto questo, Liborio Pace, giovane pietrino residente in Lombardia, coinvolto nell’inchiesta su mafia e appalti coordinata dalla Dda di Milano, lo ha confessato.

Ciò che nega, Liborio Pace, secondo quanto trapelato a margine dell’interrogatorio, è di aver avuto alcun coinvolgimento negli affari di mafia di suo cognato Vincenzo Monachino e del fratello Giovanni, capimafia storici di Pietraperzia, ipotesi di reato che viene contestato a Liborio Pace come aggravante ai reati fiscali.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DELLA SICILIA ORIENTALE DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook