IL CASO

Ato Idrico, in provincia di Enna è battaglia legale sulle tariffe

di

ENNA. L’Assemblea territoriale idrica, al terzo tentativo, decide di ricorrere in appello contro la decisione del Tar di accogliere il ricorso di AcquaEnna sulle partite pregresse. L’Ati aveva sospeso le partite pregresse, per sei mesi, ma il gestore del servizio idrico contestava questa scelta sostenendo che non essendosi completata la liquidazione dell’Ato idrico la nuova struttura non poteva deliberare in tal senso.

Il Tar aveva accolto le motivazioni del ricorso di AcquaEnna ma per decidere se ricorrere in appello o meno i sindaci ne hanno discusso in assemblea rimandando la decisione al direttivo della stessa Ati. Per due volte in una settimana, però, è mancato il numero legale e solo giovedì l’assemblea è riuscita a deliberare in assenza dei soli sindaci di Assoro e di Nicosia.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DELLA SICILIA ORIENTALE DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG: , ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X