INCHIESTA

Leonforte, le mani del clan sulle scuole guida

di

LEONFORTE. Cosa Nostra, tra gennaio e marzo del 2015, avrebbe lavorato per impedire che aprisse una nuova scuola guida a Leonforte, con l’obiettivo specifico di favorire le attività di Antonino Lambusta e Angelo La Ferrara. È questa l’accusa di estorsione per cui sono indagati entrambi, assieme a Salvatore Oglialoro, presunto appartenente al clan.

All’estorsione avrebbe lavorato anche Salvatore Cutrona, all’epoca vicinissimo al presunto boss provinciale di Cosa Nostra Salvatore Seminara. Intanto i due, La Ferrara e Lambusta, hanno ottenuto la revoca degli arresti domiciliari e sono stati rimessi in libertà, su decisione del gip Antonia Leone.

Il giudice, lo stesso che aveva emesso l’ordinanza, ha accolto i ricorsi dei loro avvocati. A entrambi, comunque, sono stati imposti l’obbligo di dimora, l’obbligo di presentazione tre volte a settimana in Commissariato e la prescrizione di non allontanarsi dalla propria abitazione dalle 21 alle 6 del mattino, senza l’autorizzazione del giudice.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook