VALGUARNERA

Finge di conoscere Messina Denaro per estorcere denaro, l'impiegata confessa

di
Estorsione a Valguarnera, Enna, Cronaca
Maria Gabriella Arena

VALGUARNERA. «Non conosco Matteo Messina Denaro. Ho inventato tutto io e l’ho fatto perché avevo bisogno di soldi». Così Maria Gabriella Arena, l’impiegata cinquantenne del Comune arrestata martedì scorso dalla polizia per estorsione – dopo essersi fatta consegnare 25 mila euro in contanti in una busta di carta da un grosso imprenditore ennese, fingendo di essere un esattore del pizzo del boss superlatitante – ha ammesso le proprie responsabilità dinanzi al Gip di Enna Elisabetta Mazza.

La sua confessione, forse l’ultima scena del “film” di cui lei stessa aveva parlato – dicendo che le sembrava, appunto, di star vivendo in una pellicola cinematografica, non sapendo che in quel momento, a registrare tutto, non c’erano dei cameraman ma la polizia – è andata in scena ieri. Alle nove del mattino, dopo un viaggio di due ore nella camionetta della Polizia Penitenziaria, che l’ha trasportata al Tribunale di Enna, proveniente dalla sezione di alta sicurezza del carcere di Messina, si è seduta accanto al suo avvocato, il penalista piazzese Sinuhe Curcuraci.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook